Sea of Tranquillity, quella crociera di Hans Op de Beeck che ricorda il Titanic

hans op
Hans Op De Beck © Christophe Vander Eecken

Hans Op de Beeck è un artista decisamente eclettico. Spazia dal disegno alla pittura, dalla fotografia alla video art, alla scultura (gli still life di oggetti quotidiani) fino alle installazioni. E compone musica; quella in Sea of Tranquillity è sua.

La sua poetica è quella di un malinconico che sa intercettare lo Zeitgeist desolante di città e interni, di certi non-luoghi e della loro patina neutra, aldilà del tempo; un abile ‘manipolatore’ delle tecniche del distacco, che però ha qualcosa da dire.  Lo dimostra il mediometraggio sulla crociera, elegia del privilegio. Nell’intervista rilasciata a  initiArt Magazine (e qui tradotta) Hans Op de Beeck spiega il suo interessante, ipnotico lavoro.

Le sue opere sono visibili in alta definizione da  Hans Op De Beck – canale Vimeo

_______________________________

Il video è uno dei tuoi mezzi preferiti, alcuni sono lavori indipendenti, altri  sono parte di installazioni. C’è un altro film , My Brother’s Gardens, che dura sette minuti in più di questo. Ma in effetti è la prima volta che produco un lavoro piuttosto cinematografico, anche se non c’è una vera narrazione. Rimane sotto la superficie o tra le linee delle immagini. Si può dire che la nave è il personaggio principale e tutti i passeggeri sono in piccole situazioni da cui si capisce che cosa accade su larga scala. Queen Mary 2 è stato costruita nel 2003 la più grande nave da crociera esistente. Se leggete le pubblicazioni sull’evento scoprirete una storia felice. Tutti sorridevano, molto orgogliosi di farne parte. Ma l’altro lato della storia è che per costruirla sono state necessarie diecimila persone,  quindi sono stati portati in città  lavoratori provenienti da Malesia, India, eccetera.  Lavoratori sottopagati e alloggiati in cattive condizioni. C’erano un sacco di scioperi. E’ diventato un grosso problema sociale. Quindi non è stata una storia così felice anche se è stata venduta come qualcosa di memorabile e prestigioso.

Quindi c’è una sorta di tensione e di conflitto sociale nella storia vera. Possiamo dire che l’idea della nave da crociera è una sorta di microcosmo della società? L’idea di utilizzare la nave da crociera come soggetto per tutto il film  deriva dal fatto che oggi ci piace costruire ambienti protetti e sicuri. Non c’è nulla di cui preoccuparsi perché tutto è curato. E’ un modello di tempo libero molto consumista, un centro commerciale galleggiante dove tutto è organizzato. E’ anche come una città artificiale paragonabile alle comunità eccessivamente protette in Cina e in America, dove le persone hanno i loro grandi palazzi recintati e sicuri. Sono liberi dalla criminalità ma allo stesso tempo sono fuori dal vero flusso della vita. Tutto sembra essere programmato , organizzato e preconfezionato. Mondi interni astratti dall’esperienza del tempo e dello spazio. Secoli fa  la gente si imbarcava su queste navi per esplorare l’altro lato dell’oceano.  Esposti dal vento e dalla sabbia,  sperimentavano la distanza e gli elementi. Oggi  vogliamo solo essere curati e per rilassarci una volta a bordo. Io non giudico su questo tipo di comportamento, ma ci dice fino a che punto abbiamo rimosso l’idea iniziale del viaggiare. E’ un’astrazione dall’esperienza reale che non ci fa neanche accorgere del tempo fuori. A bordo  siamo così concentrati sui divertimenti – alimentari, gioco d’azzardo, balli, eccetera. E’ davvero notevole se pensiamo al modo in cui le navi da crociera sono concepite. Si dice molto su come sono strutturate,  per  razionalizzare il nostro ambiente e ottenere profitti nel settore del lusso.

Mi dispiace dirlo, ma oggi quando vediamo una nave come questa la associamo al Titanic che  evoca vanità e fragilità, arroganza e ignoranza … Quando ho visto la nave di  Sea of Tranquillity ho davvero visto Titanic… Questo è del tutto normale , no? Tutte le navi da crociera fanno riferimento al Titanic e alla sua tragica storia. Penso che il modo in cui ho disegnato la mia nave sia una versione della nave da crociera in stile Hadid o Frank Gehry, elegante e lussuoso. Ha qualità artistiche in sé, ma sembra non pensare troppo alla funzionalità . Un modo molto maschile di mettersi in mostra . La nave che ho disegnato è una eco di quel tipo di architettura esibizionistica. E’ bella e spaventosa allo stesso tempo. La prua si ispira agli aerei militari potenti e ad altissima tecnologia. Volevo dare alla nave un aspetto molto militare ,  difensivo,  come a dire ‘lasciateci soli’, indisturbati  da alcunchè del mondo esteriore.

Hai detto che non giudichi  il comportamento o i valori delle persone, ma per me la critica è abbastanza evidente nel modo in cui le scene sono costruite … Non sto giudicando quel mondo, ma penso che, da artista contemporaneo, sia bene riflettere su alcuni elementi del nostro tempo. Riflessioni su temi attuali come il tempo libero e il lusso, o sulle categorie che usiamo oggi – come ‘il più alto’, la ‘più grande’, il ‘primo’, eccetera nelle competizioni in corso tra le nazioni e le città -; e sappiamo che queste sono solo categorie false o vuote perché non dicono nulla sulla qualità delle cose.

La tensione è molto presente nel film, come ad esempio il peso indicibile della noia e alienazione tra le persone, anche se sono in una crociera di lusso. Ad esempio la scena del pranzo, dove l’uomo elegantemente vestito assapora una sorta di piatto di gelatina blu in modo molto elaborato. Il blu è shocking e  il piatto si presenta come innaturale, anche terribile. Mi sono chiesto , è uno scherzo? Ridicolizzi l’alta società ? Haha … In realtà è un piatto che esiste. E’ la nouvelle cuisine molecolare, niente di futuristico. Volevo qualcosa di molto minimalista, delicato e non convenzionale. Non c’è bisogno che sia fisicamente riconoscibile, ma che sia una sorta di piatto dello state-of -the-art . Ho lavorato con uno chef  Michelin che ha fatto il piatto gratuitamente.

Non so se l’uomo prova piacere. Ha questo modo molto freddo e sofisticato, controllato. E anche negli altri, si vede sempre l’espressione di tristezza e noia. Quello che volevo è che le persone fossero naturali. Ma quando si chiede alle persone di essere naturali sembrano tristi, perché ci aspettiamo che le persone sorridano nelle immagini, per rappresentare una sensazione di benessere. Per me è importante sottolineare che la nave è il personaggio principale e i passeggeri non devono essere delle caricature, ma persone con una storia vera.  Da alcuni suggerimenti che si può capire cosa sta succedendo. Ad esempio, ci sono l’uomo e la donna nel salone jazz. Quando di è in coppia ci si confronta con l’altro perché tutti gli attriti nascosti vengano rivelati. L’unico rapporto caldo e reale nel film è tra il capitano e sua moglie. Cerca di dimostrare al marito che non avrebbe dovuto preoccuparsi, che sta bene, che lo avrebbe aspettato. Ma alla fine del film si vede che lei è in attesa, e non è stato facile per lei.

sea
da initiArt Magazine

In realtà, l’unico personaggio che sembra godersi la crociera è la cantante jazz perché si sente che lei sta cantando la sua canzone. Hai scritto la musica e i testi. Sì, è una canzone d’addio. La canzone è importante, nel senso che l’ho volutamente composta con vecchi accordi jazz con uno stile innocuo e rassicurante. Scrivendo  il testo  ho usato  metafore e un  linguaggio tipico di queste canzoni jazz. Ma è anche l’unico testo nel film, e non è innocente. Ci sono modi diversi di interpretarlo… E’ ciò che mi interessa. Come quando si ascolta un cliché al momento giusto, all’improvviso diventa molto significativo. Sai, quando sei in un momento fragile e senti la canzone più stupida, può davvero aiutarti. Questo è stato un genere – esercizio per me, sia musicale che testuale.

Anche la struttura del film è interessante. Fatta di tante scene diverse, una sorta di collage. Ho concepito lo spettacolo come una sorta di museo immaginario dedicato alla nave da crociera. Nella maggior parte dei musei didattici, come i musei di guerra, ci sono soldati in costume, tutti i tipi di modelli, anche i film  sul campo di battaglia , come una ricostruzione che rende il passato vivo per gli spettatori. E’ quello che ho fatto nel mio museo immaginario. Tutti gli oggetti e i mobili tridimensionali, come le scatole, le vetrine, i personaggi a grandezza naturale, il modello della nave, sono fatti artigianalmente.In questo modo ho potuto formalmente interpretare lo spazio archetipico e la mostra del museo. Anche la proiezione di film che vede lo spettatore a bordo della nave è presentato in una sorta di rappresentazione della sala di proiezione di un museo. Dal momento che è un film di 30 minuti, ho dovuto scegliere tra forme  narrative e forme non narrative perché si svolge no stop e la gente andare e venire.  Spetta al pubblico decidere se vogliono vedere il film interamente o no. (dall’intervista pubblicata qui)